Esame del movimento.

Elena Simonetta

Esame del movimento.

L'approccio psicomotorio neurofunzionale

Un testo operativo per consentire all’educatore, o allo specialista della riabilitazione tramite il movimento, di realizzare l’esame delle funzioni psicomotorie del soggetto e di stilarne, grazie alle informazioni ottenute, un profilo individuale.

Edizione a stampa

28,50

Pagine: 206

ISBN: 9788820453930

Edizione: 1a edizione 2014

Codice editore: 1305.183

Disponibilità: Discreta

Pagine: 206

ISBN: 9788891701923

Edizione:1a edizione 2014

Codice editore: 1305.183

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Questo libro presenta la più recente teoria riguardante la possibilità di valutare, tramite il movimento, l'evoluzione psicomotoria del soggetto: l'autrice infatti illustra le modalità teoriche e pratiche per la realizzazione dell'Esame Psicomotorio Neurofunzionale.
Il manuale vuole essere un testo operativo per consentire all'educatore, o allo specialista della riabilitazione tramite il movimento, di realizzare l'esame delle funzioni psicomotorie del soggetto e di stilarne, grazie alle informazioni ottenute, un profilo individuale (definito strategia psicomotoria).
L'inquadramento di queste strategie in tipologie neurofunzionali consente agli operatori educativi o sanitari di redigere programmi di intervento che mirano al potenziamento o al miglioramento degli aspetti psicomotori carenti evidenziati nell'esame. Inoltre nel libro vengono illustrate le diverse tipologie psicomotorie e il collegamento tra queste e i problemi posti dalla scolarizzazione e dai disturbi specifici di apprendimento.
Ha collaborato al volume Maria Vittoria Danelli - pedagogista e psicomotricista neuro funzionale - con un importante contributo nella revisione delle prove psicomotorie e nella realizzazione degli schemi grafici del testo.

Elena Simonetta, psicologa, psicoterapeuta, psicotraumatologa, vive e lavora a Milano. Presidente della PSINE (Associazione Europea Psicomotricisti Neurofunzionali), studia e si occupa da molti anni del movimento come espressione corporea dell'identità della persona. Formatasi alla scuola di Jean Le Boulch, di cui ha ora ereditato il compito formativo e divulgativo della psicomotricità neurofunzionale, ha applicato e applica tuttora questa disciplina in ambito socio-educativo e terapeutico- riabilitativo. Ha pubblicato, con Marina Massenz, La valutazione psicomotoria (Angeli, 2002).



Gianluigi De Agostini, Presentazione
Introduzione
Introduzione alla psicocinetica
(Concezione neurofunzionale della psicomotricità: unità della persona nella relazione con l'ambiente; Basi scientifiche e psicologiche della psicocinetica; Le funzioni psicomotorie; Lo sviluppo psicomotorio; L'apprendimento motorio)
Le funzioni e i fattori psicomotori
(Significato delle funzioni psicomotorie in relazione all'adattamento dell'io al proprio ambiente; Le potenzialità funzionali psicomotorie quali prerequisiti agli apprendimenti scolastici; La funzione di veglia base dell'attenzione; La funzione di aggiustamento quale modalità d'integrazione sensoriale, base della risposta motoria; Le funzioni percettive e il collegamento con la funzione gnosica; La funzione d'interiorizzazione base della percezione del corpo proprio; I fattori psicomotori esplorati con l'esame psicomotorio neuro funzionale)
Le tipologie psicomotorie
(Disturbi psicomotori infantili; Inibizione psicomotoria; Instabilità psicomotoria; Disprassia; Ritardo motorio o immaturità psicomotoria; Il disturbo di disprevalenza motoria; I disturbi di lateralizzazione e di orientamento; Il concetto di regolazione e i disturbi della regolazione; Collegamento tra disturbi psicomotori funzionali e modalità dell'attaccamento infantile)
Le tipologie psicomotorie alla luce della teoria del "ciclo dell'azione"
(L'organizzazione della motricità come sintomo; La tendenza all'azione; La psicologia dell'azione; Le tipologie psicomotorie e l'aspetto dei confini; Il ciclo dell'azione e le strategie psicomotorie)
Collegamento tra i fattori psicomotori carenti e i disturbi specifici di apprendimento (DSA)
(Modello multifattoriale dei DSA; Collegamento tra i DSA e fattori psicomotori carenti; DS A e Sistema Vestibolare)
D all'esame psicomotorio ai DSA)
La valutazione psicomotoria
(Le fasi della valutazione psicomotoria; Osservazione dell'aggiustamento spontaneo; Osservazione del comportamento del bambino davanti alle prove; L'Esame Psicomotorio Neurofunzionale: finalità)
Esame Psicomotorio Neurofunzionale (1a parte): le prove di prevalenza motoria genetica
(La manifestazione della "prevalenza motoria genetica"; Descrizione delle prove di prevalenza motoria genetica; Descrizione delle prove "complementari" di prevalenza motoria genetica; Valutazione e interpretazione dei dati)
Esame Psicomotorio Neurofunzionale (2a parte): 3-6 anni
Esame Psicomotorio Neurofunzionale 6-8 anni
Esame Psicomotorio Neurofunzionale 9-11 anni
Esame Psicomotorio Neurofunzionale 11-13/14 anni
Appendici
(E sito Esame Psicomotorio Neurofunzionale; Prova complementare fonetica per la fascia 6-8 anni)
Bibliografia.

Contributi: Gianluigi De Agostini

Collana: Strumenti per il lavoro psico-sociale ed educativo

Argomenti: Psicopatologie e tecniche per l'intervento clinico - Psicodiagnostica delle abilità cognitive

Livello: Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti

Potrebbero interessarti anche