Giocando con Winnicott

A cura di: Jan Abram, Lucia Celotto

Giocando con Winnicott

Il dialogo a distanza tra Green e Winnicott

Un dialogo a distanza tra due dei più importanti psicoanalisti del Novecento che riesce a mettere in evidenza, da un lato, la creatività di Green, con i concetti portanti del suo agire psicoanalitico e la sua intima conoscenza di Winnicott e, dall’altro, Winnicott stesso, la sua opera e la sua straordinaria modalità di concepire l’esperienza clinica.

Printed Edition

22.00

Pages: 150

ISBN: 9788891799746

Edition: 1a edizione 2020

Publisher code: 1215.1.50

Availability: Buona

Pages: 150

ISBN: 9788835103387

Edizione:1a edizione 2020

Publisher code: 1215.1.50

Can print: No

Can Copy: No

Can annotate:

Format: PDF con DRM for Digital Editions

Info about e-books

Pages: 150

ISBN: 9788835103394

Edizione:1a edizione 2020

Publisher code: 1215.1.50

Can print: No

Can Copy: No

Can annotate:

Format: ePub con DRM for Digital Editions

Info about e-books

Un dialogo a distanza tra due dei più importanti psicoanalisti del Novecento che evidenzia, da un lato, la riflessione e i concetti portanti della teoria di Green, la sua accurata conoscenza di Winnicott, dall'altro, Winnicott stesso, la sua opera e la straordinaria modalità di concepire l'esperienza clinica.
I saggi contenuti nel volume catturano in presa diretta la capacità di Green di "mettere al lavoro" il contributo di Winnicott all'interno della sua personale cornice di pensiero e di elaborarlo alla luce dell'opera di Freud e delle teorie di altre autorevoli voci della psicoanalisi contemporanea, come Wilfred Bion e Jaques Lacan.
Nonostante il suo aspetto severo e il suo asciutto senso dell'umorismo, questi scritti forniscono con immediatezza il ritratto di un analista appassionato e partecipe.
Il libro è costruito attorno a cinque capitoli, frutto delle conferenze tenute da Green alla Squiggle Foundation di Londra. Gli scritti testimoniano l'importanza dell'opera di Winnicott, cui Green fa un esplicito tributo di riconoscenza, nella sua riflessione teorica. Green considera Winnicott come una delle sue principali fonti di ispirazione in relazione ai temi dell'assenza e dei fenomeni dell'area transizionale, che considera fondamentali per lo sviluppo della sua concezione del "negativo".

Jan Abram è analista di training e supervisore della Società Psicoanalitica Britannica. Ha lavorato alla Squiggle Foundation dal 1989 al 2000 di cui è stata direttore dal 1996 al 2000. Attualmente è Chair del Comitato Scientifico della Società Psicoanalitica Britannica; docente a contratto presso la Tavistock Clinic; docente onorario allo University College di Londra e professore onorario all'Università dell'Essex. Nel 2016 assume l'incarico di professore a contratto presso l'Università di Kioto, in Giappone. Per i nostri tipi, troviamo Il linguaggio di Winnicott. Dizionario dei termini e dei concetti winnicottiani (2013), premiato come Libro Accademico di Eccellenza nel 1997.

Anna Maria Nicolò, Piccola nota introduttiva: Green lettore di Winnicott
Jan Abram, Prefazione
Adrian Sutton, Ringraziamenti
Sull'autore e la curatrice
Jan Abram, Introduzione
Lucia Celotto, Prefazione all'edizione italiana
Nota del traduttore
Esperienza e pensiero nella pratica psicoanalitica (1987)
Oggetto(i) e soggetto (1990)
Sulla terzità (1991)
Winnicott postumo: Sulla natura umana (1996)
L'intuizione del negativo in Gioco e realtà (1997)
Bibliografia.

You could also be interested in