Tra fisco e contribuente. Nascita dell'amministrazione finanziaria italiana (1859-1873)
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 196,      1a edizione  2016   (Codice editore 1573.448)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Attraverso un itinerario di ricerche condotto fra archivi pubblici e privati, l’Autore documenta il lungo percorso di costruzione dell’amministrazione finanziaria italiana.
Presentazione del volume

Attraverso un itinerario di ricerche condotto fra archivi pubblici e privati, l'Autore documenta il ruolo, tutt'altro che marginale, avuto dall'amministrazione delle Finanze nella storia dell'unificazione italiana.
Dopo la prima fase, all'insegna della provvisorietà, gli interventi amministrativi divennero più incisivi, il modello organizzativo Piemontese fu integrato con soluzioni originali che, a livello periferico, ruotarono intorno alle Intendenze di finanza. Il nuovo assetto del Regno d'Italia fu completato in un lasso di tempo non breve poiché l'unificazione amministrativa doveva andare di pari passo con le leggi fiscali e finanziarie, ma in circa quindici anni la Destra seppe costruire una macchina organizzativa in grado di far fronte alle gravissime difficoltà economiche del Paese. I primi ministri delle Finanze del Regno d'Italia svolsero un compito straordinario, unificando gli apparati e le legislazioni dei nove sistemi finanziari presenti nelle varie province del Regno, lavoro reso arduo anche dalla difficoltà persino di catalogare il personale civile e militare che lavorava nell'amministrazione. La classe politica di governo si rivelò, sostanzialmente, all'altezza della sfida.
Sella e Minghetti, in particolare, ministri per un periodo considerevole, svolsero un ruolo determinante circondandosi di uomini validi come Gaspare Finali e Giovanni Giolitti.

Daniele Sanna è dottore di ricerca in Storia contemporanea nell'Università di Pavia, collabora con la rete degli istituti di storia della Resistenza. Fra i suoi interessi di ricerca, la storia delle regioni, delle istituzioni finanziarie e militari. Di recente ha pubblicato: Il Caos dei comandi. L'Afrika Korps e gli italiani a El Alamein (Mursia 2013); Costruire una regione. Problemi amministrativi e finanziari nella Sardegna dell'autonomia (1949- 1965) (Carocci, 2011).

Indice
Premessa
Introduzione
Tavola delle sigle e delle abbreviazioni
Unificazione finanziaria e organizzazione amministrativa (1859-1864)
(Dal Regno di Sardegna al Regno d'Italia; L'opera di Pietro Bastogi, ministro di Cavour e Ricasoli; Un ingegnere minerario alle Finanze: Quintino Sella; Il riordino dell'amministrazione finanziaria con i governi Farini e Minghetti)
Crisi economica e incertezze istituzionali (1865-1867)
(Il secondo incarico di Sella; Il funzionamento delle strutture e lo stato degli impiegati nelle relazioni di Vittorio Sacchi e Gaspare Finali; L'amministrazione sotto la guida di un economista riformatore: Antonio Scialoja; Depretis, Ferrara, Rattazzi)
Il modello organizzativo della nuova Italia: strutture e impiegati (1868-1873)
(L'opera riformatrice di Cambray Digny; Il ritorno di Sella (1870-1873); Fine di una stagione)
Nota conclusiva
Fonti archivistiche e bibliografia
Indice dei nomi.