La prosa parlata. Percorsi linguistici nell'opera di Edmondo De Amicis
Autori e curatori
Contributi
Corrado Bologna
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 312,      1a edizione  2018   (Codice editore 1940.6)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 37,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 26,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 26,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Ammiratore di Manzoni e sensibile alla problematica dell’unificazione linguistica, De Amicis contribuì al rinnovamento della prosa italiana, grazie all’elaborazione di una lingua moderna, semplice e “parlata”, capace di rispondere alle nuove esigenze di educazione e di comunicazione dello Stato unitario. Una lettura critica dei suoi scritti più significativi, per seguire l'evoluzione della sua scrittura.
Presentazione del volume

Inviato speciale, educatore popolare, militante socialista, Edmondo De Amicis fu autore di una vasta produzione e figura centrale nel panorama letterario italiano del secondo Ottocento. Matteo Grassano, che in questi anni ha dedicato allo scrittore numerosi saggi in riviste e volumi, propone in questo libro una lettura critica di alcuni degli scritti deamicisiani più significativi, dalle giovanili "Lettere dalla Spagna" alle opere scolastiche, da Sull'Oceano al postumo Primo maggio, da Pagine sparse all'Idioma gentile: è un percorso che permette al lettore, attraverso l'analisi dei testi e lo studio dei manoscritti, di seguire l'evoluzione di una lunga esperienza di scrittura, rintracciando nella lingua la chiave per comprenderne alcuni aspetti. Ammiratore di Alessandro Manzoni e sensibile alla problematica dell'unificazione linguistica, De Amicis contribuì al rinnovamento della prosa italiana, grazie all'elaborazione di una lingua moderna, semplice e "parlata", capace di rispondere magistralmente alle nuove esigenze di educazione e di comunicazione dello Stato unitario.

Matteo Grassano, nato a Imperia nel 1988, ha recentemente terminato un dottorato, in cotutela internazionale tra l'Université Nice Sophia Antipolis e l'Università degli Studi di Pavia, su Francesco Biamonti. I suoi interessi scientifici si rivolgono alla letteratura e alla storia della lingua italiana del XIX e del XX secolo. Questo è il suo primo libro.

Indice
Corrado Bologna, Una minuscola fiammella di petrolio
Premessa
Nota bibliografica
Nota sui criteri di trascrizione
De Amicis "inviato speciale": le "Lettere dalla Spagna"
(Una lingua ibrida; Modi di dire ed espressioni idiomatiche; Il giornalista-narratore: l'uso del discorso diretto)
Cuore. Un modello di educazione linguistica
(Alle origini del libro; La lingua di Cuore)
Tra i banchi di scuola del Romanzo d'un maestro
(Lo studio del mondo scolastico; La realtà della lingua)
La lingua a bordo. I tecnicismi di Sull'Oceano
(La terminologia marinaresca; Tra gli appunti di viaggio; Una forza creatrice)
"L'ossessione del manoscritto". Per un nuovo Primo maggio
(Nuove acquisizioni manoscritte; Sondaggi sulla lingua politica di Primo maggio)
Un ideale parlato: da Pagine sparse all'Idioma gentile
(La "libera giocondità" del parlar fiorentino; Varietà e proprietà dell'Uso; La misura dello scritto)
Appendice
(Due interviste disperse su Primo maggio; Carteggio De Amicis-Fanfani)
Bibliografia
Indice dei nomi.