I processi dello sviluppo urbano.

Gli investimenti immobiliari di Comit e Credit a Milano 1920-1950

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 368,      1a edizione  2010   (Codice editore 1572.29)

I processi dello sviluppo urbano. Gli investimenti immobiliari di Comit e Credit a Milano 1920-1950
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 38,50
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856823417
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 29,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856826968
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il ruolo svolto da Comit e Credit sul fronte edilizio e immobiliare a Milano, fra la prima guerra mondiale e la ricostruzione postbellica (1920-50). Il volume ripercorre, sotto un profilo urbanistico politico ed economico, le principali tappe della convulsa trasformazione “geografica” e “funzionale” di Milano, che proprio in quegli anni si stava affermando come principale piazza immobiliare del Regno, ed evidenzia l’effettivo coinvolgimento in tale processo dei due istituti di credito.

Presentazione del volume

Il volume intende far luce su un tema rilevante dal punto di vista storico economico e sin qui poco indagato. Viene infatti analizzato il ruolo svolto da Comit e Credit sul fronte edilizio ed immobiliare a Milano, fra la prima guerra mondiale e la ricostruzione postbellica (1920-50). Il periodo storico prescelto copre anni particolarmente significativi, tanto per l'accelerato sviluppo urbano del capoluogo lombardo quanto per i processi di forte ristrutturazione che investirono il sistema bancario italiano e che colpirono in modo radicale le banche miste.
Viene pertanto sviluppata una duplice direttrice di ricerca: da un lato si ripercorrono, sotto un profilo urbanistico politico ed economico, le principali tappe della convulsa trasformazione "geografica" e "funzionale" di Milano, che proprio in quegli anni si stava affermando come principale piazza immobiliare del Regno; dall'altro, viene soppesato l'effettivo coinvolgimento in tale processo dei due istituti di credito.
Si è avuto modo di evidenziare come Credit e Comit seguissero, negli anni venti, strategie d'investimento diversamente strutturate, che riflettevano interessi variamente ponderabili nel settore dei beni stabili. La riorganizzazione bancaria del decennio successivo impose quindi un ripensamento del modo con cui le banche operavano nell'immobiliare, sebbene fossero ancora rintracciabili alcuni elementi di continuità. Con questa ricerca è così possibile collocare in una visione di lungo periodo gli sviluppi della finanza immobiliare, prendendo a prestito la prospettiva privilegiata di due fra i maggiori istituti della storia bancaria italiana.

Enrico Berbenni è dottore di ricerca in Storia dell'impresa, sistemi d'impresa e finanza aziendale. Ha maturato un'esperienza professionale nel private equity e attualmente collabora con la cattedra di Storia economica dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, indirizzando i propri interessi principalmente a studi di storia bancaria e finanziaria.

Indice



Introduzione
Parte I.
Dall'unità nazionale ai primi anni venti: attori e processi
(Il volto di Milano alla prima guerra mondiale; Dal primo dopoguerra all'avvento del fascismo; Credit e Comit fra immobili e finanza)
Parte II.
I "ruggenti" anni venti
(La città terziaria; Il mercato edilizio ed immobiliare nel decennio; L'attività del Comune di Milano; Verso il nuovo piano regolatore: il concorso del 1926)
Banca holding e mercato immobiliare
(La Banca commerciale italiana; Il Credito italiano; Banche a confronto: uno sguardo alla Banca popolare di Milano)
Parte III.
Milano fra crisi e guerra: gli anni trenta
(Lineamenti di una città milionaria; Il mercato edilizio ed immobiliare nel decennio; L'attività del Comune di Milano; Il "crollo delle illusioni": il piano regolatore del '34)
Dalle banche holding alle banche di interesse nazionale
(La "nuova" Banca commerciale italiana; Il "nuovo" Credito italiano; Stato e banche: la "Roma" Istituto immobiliare italiano)
Parte IV.
Verso la ricostruzione
(L'eredità della guerra; Le banche nel dopoguerra: la Banca commerciale italiana; ... e il Credito italiano)
Conclusioni
Appendice
Bibliografia
Indice dei nomi e delle società.