Cura, relazione, professione: questioni di genere nel servizio sociale

Il contributo italiano al dibattito internazionale

Contributi
Elena Allegri, Ignazia Bartholini, Annamaria Campanini, Roberto Dalla Chiara, Gaetano Gucciardo, Benedetto Madonia, Urban Nothdurfter, Marta Pantalone, Cirus Rinaldi, Anna Maria Rizzo, Carlo Soregotti, Vittorio Zanon
Livello
Dati
pp. 210,      1a edizione  2021   (Codice editore 10252.2)

Cura, relazione, professione: questioni di genere nel servizio sociale Il contributo italiano al dibattito internazionale
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788835125662

In breve

A partire dall’evidenza della prevalenza numerica di donne nel servizio sociale, gli autori discutono della questione del genere in questo ambito da diverse angolature, offrendo al lettore una ricca pluralità di temi, tagli teorici e approcci di ricerca. Le riflessioni critiche degli autori sono orientate alla ricerca di un antidoto al permanere in statu quo, e insieme allo sviluppo di una modalità di intervento sociale avanzata e di attenzione consapevole rispetto al genere, sia tra professionisti, sia con utenti servizi, diversa a seconda che siano uomini, donne o in un processo di ridefinizione di sé.

Presentazione del volume

La permanenza di una separazione nei ruoli e nelle mansioni lavorative tra uomini e donne, che riproduce la partizione tra sfera privata, legata al femminile, e sfera pubblica, sbilanciata sul maschile, è particolarmente evidente nelle professioni sociali, assistenziali ed educative anche nei Paesi più economicamente avanzati, a prescindere dalle strutturazioni di welfare. A partire dall'evidenza inequivocabile della prevalenza numerica di donne nel servizio sociale - tratto comune alle pur diverse coniugazioni nelle quali la professione si esprime di Stato in Stato - gli autori discutono della questione del genere nel servizio sociale da diverse angolature, offrendo al lettore una ricca pluralità di temi, tagli teorici e approcci di ricerca.
Ricerche nazionali e internazionali mostrano la persistenza di matrici culturali e di stereotipi di genere rispetto alla divisione del lavoro, sin dalla formazione, nella mentalità degli studenti e dei formatori, e spesso anche negli stessi professionisti. Le riflessioni critiche degli autori sono orientate alla ricerca di un antidoto al permanere in statu quo, e insieme allo sviluppo di una modalità di intervento sociale avanzata e di attenzione consapevole rispetto al genere, sia tra professionisti, sia con utenti e clienti dei servizi, diversa a seconda che siano uomini, donne o in un processo di ridefinizione di sé. Percorsi di ricerca che si offrono come contributo verso sviluppi di segno diverso nei molteplici fronti della formazione (universitaria e permanente), della narrazione collettiva e massmediale, della ricerca e riflessività prodotta dalla stessa comunità professionale degli assistenti sociali.

Roberta T. Di Rosa è sociologa e assistente sociale. Professore associato, insegna Sociologia delle migrazioni e dello sviluppo e Servizio sociale internazionale ed è coordinatrice dei Cds L39 in Servizio Sociale e LM-87 in Servizio sociale, disuguaglianze e vulnerabilità sociale nel Dipartimento Culture e società dell'Università di Palermo. Tra le sue recenti pubblicazioni: "International Social Work: Professional Debates about Global and Local Practices" (in V. Favarò, S. Marcenò, Rethinking Borders. Decolonizing Knowledge and Categories, UnipaPress, 2021); "Social Work with Refugees and Migrants in Italy" (in R. Roßkopf, K. Heilmann, International Social Work and Forced Migrants, Verlag Barbara Budrich, 2021).

Luigi Gui è sociologo e assistente sociale. Professore associato, insegna Servizio sociale e Politiche sociali ed è coordinatore del Cds LM-87 in Servizio sociale, politiche sociali, programmazione gestione dei servizi nel Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Trieste. Tra le sue recenti pubblicazioni: "Servizi sociali e povertà: vecchie e nuove interazioni" (in F. Berti, A. Valzania, Precarizzazione delle sfere di vita e diseguaglianze, FrancoAngeli, 2020); "Spiazzamento e apprendimento dall'esperienza Covid" (in M. Sanfelici, L. Gui, S. Mordeglia, Il servizio sociale nell'emergenza Covid-19, FrancoAngeli, 2020).

Indice

Annamaria Campanini, Prefazione
Roberta Teresa Di Rosa, Introduzione. Servizio sociale, questione di genere?
Roberta Teresa Di Rosa, Il genere nella ricerca di servizio sociale: una panoramica internazionale
Ignazia Bartholini, Occupazione, profitto e capabilities in una professione tradizionalmente femminile
Gaetano Gucciardo, Prevalenza femminile e prestigio della professione di assistente sociale
Cirus Rinaldi, Urban Nothdurfter, Utenti paradossali. Servizio sociale e sex work maschile
Benedetto Madonia, Servizio sociale e contributo queer: intervento professionale e identità di genere
Marta Pantalone, Carlo Soregotti, Roberto Dalla Chiara, Vittorio Zanon, Lo stereotipo di genere nel servizio sociale. Esiti di una survey nazionale sugli assistenti sociali
Roberto Dalla Chiara, Vittorio Zanon, Marta Pantalone, Carlo Soregotti,
Narrare la differenza di genere nella pratica professionale. Resoconti e storie di assistenti sociali
Elena Allegri, Media e servizio sociale: quale genere di rappresentazioni?
Anna Maria Rizzo, Decostruire gli stereotipi di genere. Percorsi formativi teorico-pratici per docenti a Galatina di Lecce
Luigi Gui, Questioni aperte: tra genere e generi, tra pubblico e privato
Gli autori.