L'imprenditore della piccola e media impresa sopravviverà?

Sì, se si concentra sul software del sistema impresa: persone, relazioni e mission aziendale

Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 240,   2a ristampa 2012,    1a edizione  2002   (Codice editore 561.243)

L'imprenditore della piccola e media impresa sopravviverà? Sì, se si concentra sul software del sistema impresa: persone, relazioni e mission aziendale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846436382

In breve

Una guida che insegnerà ad ogni imprenditore a potenziare le proprie capacità di leadership. Come motivare, mobilitare, trasformare ed elevare le persone!

Presentazione del volume

Noi imprenditori delle P.M. imprese sopravviveremo nella misura in cui non ci concentreremo esclusivamente sui metodi, sui processi e sulle strutture organizzative, che sono l' hardware del sistema impresa, ma cureremo, al tempo stesso, il software , caratterizzato dalle persone, dalle relazioni, dalla mission e dai valori aziendali.

Se migliorassimo il clima organizzativo e relazionale potremmo incrementare considerevolmente l'efficienza delle nostre organizzazioni aziendali. Se infatti il buon clima aziendale è il fulcro che determina molteplici ricadute positive sul gruppo aziendale, la conditio sine qua non del clima eccellente è proprio la leadership trasformazionale. Il clima eccellente non aumenta soltanto l'efficienza aziendale, ma riduce la malattia, l'assenteismo e il turn-over del personale.

Ma il clima aziendale è soprattutto in funzione della nostra leadership; per cui lo scopo, e il filo conduttore del libro, è quello di promuovere in ciascun imprenditore la leadership trasformazionale, sopita in lui, la quale motiva, mobilita, trasforma ed eleva le persone.

L'autore parla direttamente agli imprenditori, stimolandoli ed esortandoli a:

- vedere nei propri dipendenti innanzitutto delle persone anziché delle risorse umane strumentali ai suoi fini;

- riflettere sulle sue passioni che, per quanto lo abbiano aiutato a fondare le aziende, hanno altresì conseguenze sulla sua leadership e sull'organizzazione aziendale;

- comprendere, rispettare, non prevaricare la diversità; cercare e assecondare il bisogno di autorealizzazione delle persone e la personalità compatta dei loro collaboratori;

- seguire i modelli di gestione utili per motivare, supervedere e valutare i propri dipendenti, riflettendo sugli effetti nefasti dello stress sul clima aziendale,

- illuminare le zone d'ombra che rendono così misteriose e difficili le relazioni interpersonali nelle aziende;

- sviluppare le proprie abilità e qualità personali di leadership trasformazionale che sono sopite in loro.

Angelo Cilli è Presidente e Direttore generale del gruppo C.S. Formazione, società di consulenza aderente all'Assoconsult e alla Confindustria. È impegnato nel settore della formazione e consulenza dal 1984 dopo aver maturato un'esperienza ultradecennale in grandi, medie e piccole imprese.

Indice


Parte I. La visione globale e le passioni imprenditoriali
Introduzione. Una rivoluzione di pensiero ed una nuova proposta
(Sulla semplicità; Parlando al cuore dell'imprenditore; La visione globale; Cuore e passione; Ragione e intuito; Una rivoluzione di pensiero: la metaprofessione; Non sono un estremista; Un modello esplicativo per le aziende; Non solo strumenti; Old Economy o New Economy?; Scopo e itinerario del libro)
Le 10 e più passioni degli imprenditori
(Sull'avidità; Sulla superbia; Incuria e perfezionismo; Sulla contraddittorietà; Il manicheismo; La passione del fronte operativo e la pigrizia del pensare; Egoismo e avarizia; Sull'egocentrismo; Sul conservatorismo; Una precisazione fondamentale: percezione individuale e interazione sociale; Caso 1. L'imprenditore diffidente e pessimista; Caso 2. L'imprenditore utilitarista; Caso 3. L'imprenditore misogino; Quali e quanti elementi influenzano e determinano la nostra visione antropologica?; Memorandum)
Parte II. Le risorse umane non sono la principale e inesauribile risorsa strategica. Le persone, sì!
Comprendere, rispettare e gestire la diversità
(Gestire persone e non risorse umane; Il potenziamento del nostro gruppo: visione riduttiva contro visione globale; La personalità compatta: obiettivo prioritario personale nella gestione degli uomini; I tre elementi fondanti la persona; L'autorealizzazione; Comprendere la diversità/alterità; La diversità è già a monte nel nostro cervello: la genesi delle nostre rappresentazioni mentali; La diversità e le distorsioni percettive; L'eredità animale e il processo stimolo-risposta; Tipiche diversità a confronto; Il controllo esterno e interno; La diversità e l'emulazione inconsapevole; Come interagiamo con gli altri e col lavoro?; Le 8 preferenze lavorative; I Relatori-Consulenti; I Creativi-Innovatori; Gli Esploratori-Promotori; I Valutatori-Sviluppatori; I Realizzatori-Organizzatori; I Finalizzatori-Produttori; I Controllori-Ispettori; I Sostenitori-Conservatori; Non siamo sempre uguali: personalità e variabilità; Tesi, antitesi e sintesi; Memorandum)
Lo stress ovvero come deteriorare la qualità personale, avvelenando il clima aziendale
(Perché comprendere e prevenire lo stress?; Lo stress e il processone; La sequenza aberrante dello stress; Cosa si intende con stress?; Lo stress: le scelte e i conflitti; Caso 1. Il conflitto di avvicinamento; Caso 2. Il conflitto di evitamento; Caso 3. Il conflitto di avvicinamento-evitamento; Caso 4. Il doppio conflitto di avvicinamento-evitamento; Lo stress cronico: le fasi e le conseguenze fisiologiche; Come contrastare lo stress; I rimedi pratici dello stress; Il rapporto intercorrente fra stress personale, personalità compatta ed autorealizzazione; Memorandum)
Parte III. La leadership trasformazionale
Motivazione, supervisione, valutazione ed auto-realizzazione dei nostri collaboratori
(La Stella E.P.I.C.A. ovvero la persona nella sua integralità; Un distinguo sull'intelligenza; Motivazione ed autorealizzazione; Come incrementare velocemente le prestazioni dei nostri collaboratori; Caso 1. Un collaboratore gestito egregiamente; Caso 2. Una supervisione scorretta e inefficiente; L'etica dei nostri collaboratori; Caso 1. Lo stupido; Caso 2. Il bandito; Caso 3. Lo sprovveduto; Caso 4. L'intelligente; Valutazione etica di C.M. Cipolla; Appendice: le leggi della stupidità secondo C.M. Cipolla; Memorandum)
La relazione interpersonale eccellente, ovvero l'incontro intenzionale di due mondi
(La cultura e la relazione interpersonale; L'intenzione comunicativa e la relazione interpersonale; Caso 1. La "vittima"; Caso 2. L'"inquisitore"; Caso 3. L'"intimidatore"; Caso 4. Il "troppo riservato"; Per concludere; L'empatia e la relazione interpersonale; La comunicazione e la relazione interpersonale; Il modello C.I.R.C.E. Ovvero gli elementi costitutivi della relazione interpersonale eccellente; Verità e pregiudizi; Appendice: alcuni meccanismi di difesa (secondo Freud); Memorandum)
La leadership trasformazionale
(La relazione intercorrente fra leadership, management e potere; I sette poteri; Cosa intendo con leadership trasformazionale?; Le abilità del leader trasformazionale (il fare); Le qualità personali del leader trasformazionale (l'essere); Memorandum)
Epilogo. Scrivere ovvero comunicare







Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access