La Cooking Therapy

Antonio Cerasa

La Cooking Therapy

Come trasformare la cucina in una palestra per la mente. Applicazioni per pazienti neurologici e psichiatrici

La Cooking Therapy sta diventando un vero e proprio trattamento medico per ridurre la disabilità in varie patologie neurologiche (ictus, demenze, trauma cranico) e psichiatriche (dipendenze da droghe, schizofrenia, anoressia nervosa). Cucinare ha anche una forte valenza sociale, e il libro parla delle sue applicazioni in pazienti con disabilità speciali (sindrome di Down e disordini dello spettro autistico) che grazie alle attività apprese in cucina riescono a integrarsi in un nuovo mondo.

Edizione a stampa

19,00

Pagine: 136

ISBN: 9788891791795

Edizione: 1a edizione 2020

Codice editore: 1305.271

Disponibilità: Buona

Pagine: 136

ISBN: 9788835101666

Edizione:1a edizione 2020

Codice editore: 1305.271

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Pagine: 136

ISBN: 9788835101673

Edizione:1a edizione 2020

Codice editore: 1305.271

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: ePub con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

La conquista del cibo è una delle più grandi spinte motivazionali dell'essere umano: dall'uomo primitivo che grazie al cibo "cotto" ha potenziato l'evoluzione cerebrale, all'uomo moderno che riesce a trattare determinate malattie seguendo particolari regimi alimentari. Il cibo è tutto per noi, ma lo è ancora di più la sua preparazione.
Recenti scoperte neuroscientifiche ci hanno dimostrato che cucinare non è solo un atto ripetitivo che separa il bisogno dalla sua soddisfazione, ma rappresenta una forma di allenamento che stimola fenomeni di plasticità neurale all'interno del nostro cervello. Per questo motivo la cucina può trasformarsi in una forma di palestra per potenziare le nostre abilità, grazie alla Cooking Therapy.
Lo scopo di questo libro è raccontare le varie tipologie di Cooking Therapy adottate in tutto il mondo per migliorare le nostre capacità di coordinazione, la nostra velocità di pensiero e il nostro stato dell'umore.
Scopriremo le sue applicazioni per ridurre alcune disabilità in ambito neurologico (ictus, demenze, trauma cranico) e psichiatrico (dipendenze da droghe, schizofrenia, anoressia nervosa). Inoltre, cucinare ha anche una forte valenza sociale, e nel libro parleremo delle sue applicazioni in pazienti con disabilità speciali (sindrome di Down e disordini dello spettro autistico) che grazie alle attività apprese in cucina riescono a integrarsi in diversi contesti.
Faremo questo viaggio proponendo anche qualche semplice ricetta (o suggerimento) da poter eseguire comodamente a casa, per spingere il nostro cervello a superare la disabilità.

Antonio Cerasa
, neuroscienziato e divulgatore scientifico, è ricercatore del CNR e si occupa da molti anni dello sviluppo di nuovi modelli per la riabilitazione e il potenziamento delle capacità cognitive e motorie. Vincitore del premio di Divulgazione Scientifica 2017 "Giancarlo Dosi" per il libro Expert Brain: come la passione del lavoro modella il nostro cervello (FrancoAngeli, 2017). Per Hoepli ha scritto Diversamente sano. Liberi di essere folli (2018) e La scatola magica. All'origine delle neuroscienze (2019).

Prologo
Dal cervell(ett)o degli chef alla neuroriabilitazione
(Come l'acquisizione di un'abilità modella il nostro cervello; Le basi neurobiologiche della cooking therapy: il cervello degli chef; Cervelletto e abilità in cucina: anatomia funzionale; Neuroriabilitazione del danno cerebellare; Cucinare va oltre il cervello degli chef)
La cooking therapy
(La storia; Le varie tipologie di intervento; I canali su cui lavora la cooking therapy; Tipologia di ausili)
Le applicazioni della cooking therapy
(Pazienti neurologici; Pazienti psichiatrici; Disabilità speciali)
Riabilitare cucinando: le ricette
(Pazienti cerebellari; Emiplegia (ictus); Demenza (malattia di Alzheimer); Disturbi dell'alimentazione: anoressia nervosa; Disabilità speciali)
Conclusioni
Ringraziamenti.

Potrebbero interessarti anche